giovedì 17 ottobre 2013

Anteprima: "Il tesoro perduto dei templari - Il segreto dei pittori maledetti", nuovo thriller a puntate di G.L. Barone!

Sono davvero, davvero, tanto felice!
Dopo aver adorato e divorato “La cospirazione degli Illuminati” (QUI potete trovare la mia recensione”, finalmente avrò –avremo, tutti!- l’occasione di leggere un nuovo romanzo di G.L. Barone!
E questa volta, purtroppo, non potremo trovarlo in libreria.
Pubblicato a puntate, dal 10 Ottobre è possibile scaricarlo cliccando su questo LINK.
Un nuovo thriller, questa volta a puntate, di Barone che entra a far parte della collana Newton Compton Ebook Originals com’è accaduto precedentemente ad altri suoi colleghi italiani come Marcello Simoni e Fabio Delizzos.

Okay amici, non sto più nella pelle e vi parlo del romanzo “Il tesoro perduto dei templari - Il segreto dei pittori maledetti”. E già il titolo mi ispira parecchio!


Autore: G.L. Barone
Titolo: Il tesoro perduto dei templari - Il segreto dei pittori maledetti
Casa editrice: Newton Compton Editore
Collana: Newton Compton Ebook Originals
Pagine: 83
Prezzo: € 1,99
Sinossi della prima puntata:
Le indagini del professor Manuel Cassini
24 dicembre 2013: alla Vigilia di Natale, il Vaticano è scosso da un terribile lutto. Monsignor Claude de Beaumont, Curatore dei Musei Vaticani, muore gettandosi nel vuoto, da una delle balaustre del museo. Poco prima, l'anziano sacerdote aveva fatto visita a un quadro, la Trasfigurazione di Raffaello. Nonostante all'apparenza sembri un suicidio, la gendarmeria ha motivo di ritenere che de Beaumont possa essere stato drogato. L’indagine viene affidata all'ispettore Sforza, dell’Interpol. I suoi primi sospetti ricadono su un vecchio conoscente del monsignore, Andrea Cavalli Gigli, da poco nominato sovrintendente degli Uffizi. Contemporaneamente, a Parigi, Manuel Cassini, giovane ordinario di Letteratura, sta per incontrare proprio Andrea Cavalli Gigli, al Museo del Louvre. Ma mentre si prepara per l'appuntamento comincia ad avere strane visioni, che finiranno per incrociarsi con l'indagine di Sforza.

Anteprima: Miraviglia Editore ci presenta i suoi romanzi pieni di suspense! Diamo un occhiata a "La donna del labirinto" di Valentina Olivastri e "Terrified" di Kevin O'Brien.

Buon pomeriggio, amici!
Ho il piacere di condividere con voi una notizia che ci ha rallegrato la giornata: Dreaming Land ha aperto una nuova collaborazione, questa volta con una casa editrice che purtroppo in pochi conoscono, ma che promette davvero bene. Sto parlando di Miraviglia Editore, una casa editrice non a pagamento, che  pubblica soprattutto thriller e gialli – italiani e stranieri – e narrativa controcorrente, quindi romanzi a tematiche LGBTQI e ambientali. E nei prossimi mesi amplierà le sue collane con la manualistica e il genere romance.

In giro si parla sempre del fatto che bisogna dare una possibilità e sostenere gli autori emergenti, per farli conoscere al grande pubblico di lettori. Perché quindi non fare lo stesso con le case editrici? E, per festeggiare questa nuova collaborazione, vi presenterò due libri di Miraviglia Editore. Sul sito della casa editrice potrete trovare molti altri titoli ed eventualmente acquistarli.

Autore: Valentina Olivastri
Titolo: La donna del labirinto
Casa editrice: Miraviglia Editore
Collana: Controvento
Pagine: 300
Prezzo: € 18,00
Sinossi:
Un raffinato giallo ambientato nel mondo patinato e lussuoso delle gallerie d’arte internazionali. Alla morte del marito, causata apparentemente da un banale incidente, Helena Fenton, decide di lasciare Oxford e recarsi a Parigi per lavorare presso la Fondazione d’arte in cui lavora la sua migliore amica, Ruri. Pensa così di poter dimenticare, ma scopre ben presto che si è trattato di un terribile errore. Gli oggetti e le persone che la circondano, compresa Ruri disposta a fare qualsiasi cosa per una passione travolgente, le nascondono la verità sulla morte del marito e su un altro efferato delitto avvenuto anni prima. Tra intrighi, tradimenti, inganni e oggetti d’arte rubati, il mistero si cela in un enigmatico dipinto fiammingo il cui possesso è brama di molti: La Donna del Labirinto.

Tre piccoli stralci del romanzo:

“Fu una questione di attimi. Bertrand piegato in avanti, lo sparo, il sangue che scorreva come un ramo di corallo e che sembrava pietrificarsi al contatto con l’aria, le labbra di Dominic semiaperte… Aperto nel palmo della mano, il coltello insanguinato, che nel frattempo Bertrand si era tolto dall’addome, cadeva sul pavimento. Se non fosse stato per il fragore di quel colpo di pistola, Bertrand avrebbe creduto di aver ucciso lui stesso Dominic”

“Bertrand prese un’immediata decisione. Invece di farsi ricattare, sarebbe andato lui stesso dalla polizia. Le prove a suo carico erano schiaccianti, si disse, ma la verità lo avrebbe salvato. Senza contare che scrollarsi di dosso quelle menzogne sarebbe stato come risvegliarsi da un brutto sogno.”

“Morto in un incidente o fatto fuori di proposito, poco importava, Hunter nel frattempo era uscito di scena, ma qualcuno era interessato al suo passato. Il pigmento analizzato dal laboratorio proveniva senza alcun dubbio dalle tracce di “sporco” presenti nel quadro; non poteva trattarsi di una coincidenza.”

domenica 29 settembre 2013

Anteprima: INNOCENCE (Century Child #1) di Vibeke Elske + Intervista all'autrice + Primi capitoli del secondo libro della saga

Buonasera dolci lettori,
sono davvero felice di essere qui, in camera mia, a scrivere di un’autrice esordiente talentuosa con cui ho avuto modo di parlare. Mi capita spesso di gironzolare su vari siti dedicati alle fan fiction ed è proprio in questo modo che sono incappata in “Innocence”, un romanzo straordinariamente bello e curato in ogni più piccolo aspetto.
Le recensioni che dovrei concludere sono davvero tante ma quella di “Innocence” è probabilmente la più difficile, questo perché non trovo le parole giuste per descrivere ciò che il romanzo mi ha trasmesso, quel che ho provato durante la lettura. L’unica cosa che posso accennarvi è: se amate le storie originali che non si perdono in amori scontati ma che, a differenza, danno la giusta importanza all’insieme delle vicende, non potrete non amare questo libro.  


Autore: Vibeke Elske
Titolo: Innocence (Century Child #1)
Pagine: 552
Formato: e-book
Prezzo: 2,68 euro
Pagina ufficialeCentury Child
Dove potete acquistarloAmazon

C’erano cinque statue disposte a semicerchio dietro al cratere. Avevano sembianze umane, scolpite in una pietra candida dai pallidi riflessi opalescenti. Sui piedistalli di marmo nero, in bassorilievo, i loro nomi laminati in argento: Innocentia, Tentatio, Peccatum, Expiatio, Redemptio.
Regan si soffermò a scrutarle una per una, senza osare avvicinarsi, intimidita dall’atmosfera sacrale che sentiva incombere attorno a sé.
Innocenza era una bambina dal viso tondo e paffuto che guardava verso una volta celeste immaginaria con occhi sgranati e colmi di genuino stupore. Stringeva tra le mani un mazzetto disordinato di fiori di campo, i piccoli piedi nudi che poggiavano delicatamente su un soffice cuscino d’erba. Al suo fianco, Tentazione era incarnata da un ragazzo dai folti riccioli che guardava con avidità alla propria sinistra, la bocca dischiusa in una piega vagamente sensuale, il ginocchio sinistro proteso di lato in uno slancio smanioso, frenato però dalla catena che gli imprigionava la caviglia destra al terreno. Seguendo il suo sguardo si incontrava la terza scultura.
Peccato rappresentava due giovani amanti colti in un gesto di intimità: lei completamente abbandonata tra le braccia possenti di lui, la testa riversa all’indietro in uno stato di inconfondibile estasi. Spostandosi appena più in là, tuttavia, la prospettiva mutava completamente: la mano di lui reggeva un pugnale affondato tra le scapole di lei, lunghi rivoli di sangue rubino che le colavano sulla pelle, impregnando il tessuto sottile della veste abilmente scolpita. Amore e Morte, nella loro rappresentazione più tragica.
Alla loro sinistra, Espiazione – un uomo emaciato coperto da cenci laceri, inginocchiato su sassi appuntiti – li fissava con sguardo tormentato, le mani ossute convulsamente strette al petto, dilaniato da profonde ferite. I suoi occhi scavati e sgomenti riflettevano una sofferenza angosciante.
A chiudere il semicerchio, infine, bellissima e maestosa, Redenzione si ergeva nelle morbide forme di una donna che spalancava le braccia verso il cielo, due splendide ali angeliche spiegate alla sue spalle. Il suo viso, esattamente come quello di Innocenza, era rivolto verso l’alto, chiusi gli occhi, e portava impressa un’espressione di pace assoluta.
Regan restò a lungo a studiarle, rapita dal realismo dei loro volti, dalla drammaticità dei loro gesti. C’era qualcosa di vivo e inquietante che pulsava sotto ai loro gusci di pietra.
Involontariamente, il suo sguardo continuava a tornare a Tentazione ed Espiazione, dall’una all’altra, simili ed opposte. Entrambe si volgevano verso Peccato, entrambe dipinte di un’emozione esasperata, entrambe consumate dal loro stesso anelare.
Fu con sorprendente stupore che, nell’arretrare incurantemente di un passo, Regan realizzò una cosa che la fece sentire strana.
Tentazione guarda Peccato e vede l’Amore. Espiazione guarda Peccato e vede la Morte.

Primo dei cinque capitoli della saga fantasy di Century Child, Innocence vi porterà nelle Sette Terre, patria millenaria di Angeli e Demoni. Conoscerete Regan, giovane ragazza demone dai capelli rosso sangue con dei misteriosi cavalieri alle calcagna e un passato dimenticato, che cercherà di recuperare i suoi ricordi in un lungo viaggio attraverso le lande sterminate del Mondo Occulto, scoprendo la verità su di sè e su coloro che, prima ancora della sua stessa nascita, l'hanno resa ciò che è. Con lei ci saranno Lucius, demone affascinante e misterioso, e Shin, giovane angelo di androgina bellezza e un'infinita tristezza nello sguardo, e una nuova, grande famiglia del tutto inaspettata. 

sabato 28 settembre 2013

Recensione: Hunger Games, la trilogia di Suzanne Collins.

Buongiorno a tutti e felici Hunger Games
E possa la buona sorte essere sempre a vostro favore.

Finito il periodaccio degli esami, ho finalmente avuto il tempo di scrivere una recensione cui tengo particolarmente, anche se si è rivelata piuttosto difficile. In un periodo di estrema tensione, cosa potrebbe mai essere più rilassante di un bel libro?
Magari un distopico Young Adult.
Magari tre, proprio quei romanzi che hanno appassionato milioni di lettori in tutto il mondo.
Sto parlando di Hunger Games, la trilogia creata dalla scrittrice americana Suzanne Collins e pubblicata in Italia da Mondadori. 


In un imprecisato futuro dove il Nord America è stato sostituito dallo stato di Panem, ogni anno 24 ragazzi vengono mandati a combattere per la sopravvivenza.
Lo stato di Panem è suddiviso in dodici distretti che rendono conto ad un’unica città, Capitol City. A causa di una passata rivolta che portò alla distruzione del Distretto 13, ogni anno –per non far dimenticare ai vari distretti che Capitol City è sempre più forte di loro- ogni distretto è costretto a sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che andranno nella capitale per partecipare agli Hunger Games: letteralmente “giochi della fame”, nel quale i partecipanti devono uccidersi a vicenda con l’unico scopo di divertire il superficiale e appariscente pubblico di Capitol City.

venerdì 27 settembre 2013

“Obsession” di Valentina C. Brin – 2° tappa Blogtour


Buon pomeriggio dolcissimi sognatori,
non avete idea di quanto sia emozionata: finalmente questa favola si è avverata e il manoscritto della bravissima Valentina è diventato un libro. Ricordo ancora il giorno in cui, per caso, ho notato il suo post in uno dei gruppi dedicati agli autori emergenti; ho letto i primi capitoli in anteprima di “Obsession” e me ne sono immediatamente innamorata! A quanto pare ho un fiuto impeccabile perché ho immediatamente avuto fiducia nelle potenzialità di questa giovane scrittrice. Ad ogni modo, non voglio dilungarmi! Dico solo che sono felice di poter prendere parte a questo progetto, sono felice di aver conosciuto una ragazza tanto talentuosa e dolce. Unico consiglio? Datele fiducia anche voi e non ve ne pentirete!  Tra l’altro, a breve, pubblicherò anche la mia lunghissima recensione quindi avrete modo di capire il motivo per il quale amo tanto “Obsession”.
Obsession
Di Valentina C. Brin

Pagine: 480
Editore: Youcanprint
Pagina ufficiale: Obsession
Booktrailer: Qui
Blog dell’autrice: Questioni Scrittevoli
Capitoli in anteprima: Primi quattro capitoli
Genere: Romanzo storico/erotico/romantico
Prezzo e-book: 3,99 euro
Prezzo cartaceo: 19,90 euro
Prima intervista all'autrice su DLIntervista

Inghilterra, 1715.  Quando Eleanor White arriva a Collingwood porta con sé la dignità di chi fa parte del popolo, l’amarezza di un amore tradito e la determinazione ad aiutare la propria famiglia con ogni mezzo. Peccato che non sappia quanto sia sconvolgente quello che l’aspetta in quella tenuta, rifugiato nell’ombra di rifiuto e rancore che gli affoga il cuore: Ashton Spencer, conte di Collingwood, è un uomo violento che rifiuta l’amore in ogni sua forma. Un uomo in cui è destinata ad attecchire un’ossessione profonda e incontenibile, struggente, violenta come la sua stessa anima. Ma come fare, quando l'unica donna che desideri è la sola che non puoi avere? Sullo sfondo della prima rivolta giacobita, una storia d'amore indimenticabile. Un romance storico che vi stregherà.

Estrazione giveaway: "Prigionia mortale" di Chiara Cilli!



Buongiorno, cari amici!
Ieri è terminato il giveaway di “Prigionia mortale”, il secondo romanzo della saga urban-fantasy “La regina degli inferi” e siamo molto felici di vedere in quanti avete partecipato.
Quando si tratta di Chiara Cilli, siete sempre numerosissimi!
Innanzitutto vi ringraziamo per aver partecipato così numerosi e non vediamo l’ora di svelarvi i vincitori di questo ricco giveaway.

Passiamo quindi con il ricordarvi i premi messi in palio dall’autrice:
Primo premio: la copia cartacea del romanzo;
Secondo premio: la copia digitale del romanzo;
Terzo premio: il segnalibro di “Prigionia mortale”.

And the winners are...

domenica 22 settembre 2013

Momento di sfogo: Lo snobismo tra i lettori. BASTA col giudicare e insultare le persone a causa dei libri che leggono!

Buon pomeriggio, bellissimi!
Spero che la vostra domenica sia migliore della mia e che non dobbiate studiare come pazzi tutte le guerre che hanno fatto i romani. Ma, visto che a voi non importa delle mie crisi isteriche di una normalissima domenica pre-esame, parto subito col parlarvi di una cosa che mi interessa davvero molto.
Per oggi scordatevi recensioni e balli in maschera. Oggi ci si sfoga!
O meglio, mi sfogo io, ma voi potete commentare questo post sfogandovi insieme a me o insultandomi mentre mi rincorrete con una mazza chiodata. A voi la scelta!

Sempre più spesso leggo e vedo cose che mi fanno cadere le braccia.
Se c’è una cosa che proprio non riesco a sopportare è lo SNOBISMO.
Gli snob non mi piacciono, neppure un po’. Andrebbero perseguitati e rinchiusi in un manicomio criminale. E purtroppo gli snob li abbiamo anche tra le nostre file. 
Chiariamo il concetto: gli snob non sono solo quelli pieni di soldi che ti guardano dall’alto in basso con il tanfo sotto al naso perché hanno la casa al mare a Ibiza, vanno a cena da Valentino e fanno shopping con Louboutin.
Eh no, gli snob ci sono anche tra i lettori e quelli sono i peggiori!
Vi sono diverse categorie di snob letterari, ma tengo a fare una premessa.
Innanzitutto mi scuso in anticipo, qualora questo sfogo contesse parole non propriamente educate. Ma quando mi sfogo, qualche “sticazzi” ce lo metto. Uno sfogo senza parolacce, è come Nemo senza la sua pinna fortunata. Non è concepibile, non esiste proprio!
Ognuno ha un genere letterario che preferisce leggere più spesso, che trova particolarmente gradevole. E fin qui ci può anche stare. Perfino io, Miss Ignorance ’91, ho un genere preferito. Ciò che mi fa seriamente incazzare (vi avevo avvertiti che sarei partita con le parolacce), è trovare persone che criticano i gusti personali altrui passando agli insulti. Se per voi dovrebbe esistere solo il vostro genere preferito in libreria, affari vostri. De gustibus, ma abbiate la decenza di non criticare e insultare le persone per i libri che leggono!
C’è inoltre da dire che, se le case editrici pubblicassero solo ed esclusivamente il vostro genere preferito, allora tutti saremmo costretti a leggere un solo genere e loro andrebbero falliti. Nel mondo viene pubblicato un numero di libri per ogni genere e una libreria che vende romanzi di un solo genere, sarebbe una libreria mezza vuota. Ragazzi, non è un caso se in libreria troviamo i vari settori. Se entrassimo nella libreria della signora Mazza e togliessimo i vari settori per lasciare solo il nostro preferito, la signora Mazza si ritroverebbe con un negozio quasi vuoto e senza l’ombra di un soldo in cassa!
E credetemi se vi dico che non è una cosa strana vedere una persona che compra libri di diverso genere. Se ogni giorno mangiassi pasta al pomodoro, prima o poi mi stancherei. O se ogni giorno indossassi la stessa camicia, puzzerei come i bagni di una stazione di servizio. 
Nella vita bisogna anche variare!
A una persona possono piacere i classici, gli erotici o i saggi e nessuno dovrebbe avere la faccia tosta di insultarla per questo. E se ogni tanto sente il bisogno di una botta di vita e va a fare shopping con la Kinsella o prende la scopa e si fa una partita a Quidditch con Harry Potter, vi assicuro che non commette peccato mortale! Per il cultore del fantasy, davanti allo scaffale del thriller non c’è un cartello che recita “Io qui non posso comprare”. La lettura è anche un modo per aprirci la mente, per far camminare il cricetino in coma che vegeta nel nostro cervello, non c’è bisogno di criticare chi ha gusti diversi dai nostri.
Se il mio cane vuole leggere un libro di César Millán, non le scoppio a ridere in faccia e neppure la insulto, me ne resto zitta e le passo un segnalibro!

sabato 21 settembre 2013

Anteprima: NOVEMILA GIORNI E UNA SOLA NOTTE di Jessica Brockmole

Buongiorno lettori e buon fine settimana!

Quest’oggi voglio proporvi l’anteprima di un romanzo che si prospetta essere meraviglioso. “Novemila giorni e una sola notte” è stato pubblicato il 19 settembre 2013 dalla casa editrice Nord e ha già catturato i cuori di tantissimi sognatori, compresa la sottoscritta. Dalla trama, dalle opinioni in giro sul web, si evince che siamo di fronte ad un romanzo epistolare in stile “Le ho mai raccontato del vento del nord” ed io non posso di certo lasciarmelo sfuggire.

Amori lontani, cicatrici del passato, dolci lettere colme di speranze e silenzi difficili da interpretare..


Titolo: Novemila giorni e una sola notte
Autrice: Jessica Brockmole
Traduzione: Irene Annoni
Casa editrice: Nord
Prezzo: 16,00
Pagine: 336
Sito web: Clicca qui
Trama: Cara figlia mia,
tu non hai segreti, ma io ti ho tenuto nascosta una parte di me. Quella parte si è messa a raschiare il muro della sua prigione. E, nel momento in cui tu sei corsa a incontrare il tuo Paul, ha cominciato a urlare di lasciarla uscire.
Avrei dovuto insegnarti come indurire il cuore; avrei dovuto dirti che una lettera non è mai soltanto una lettera. Le parole scritte su una pagina possono segnare l’anima. Se tu solo sapessi...


E invece Margaret non sa. Non sa perché Elspeth, sua madre, si sia sempre rifiutata di rispondere a qualsiasi domanda sul suo passato, limitandosi a mormorare: «Il primo volume della mia vita è esaurito», mentre gli occhi le si velavano di malinconia. Eppure adesso quel passato ha preso la forma di una lettera ingiallita, l’unica che Elspeth ha lasciato alla figlia prima di andarsene da casa, così, improvvisamente, senza neppure una parola d’addio. Una lettera che è l’appassionata dichiarazione d’amore di uno studente americano, David, a una donna di nome Sue. Una lettera che diventa, per Margaret, una sfida e una speranza: attraverso di essa, riuscirà infine a svelare i segreti della vita di sua madre e a ritrovarla?
Come fili invisibili, tirati dalla mano del tempo, le parole di David conducono Margaret sulla selvaggia isola di Skye, nell’umile casa di una giovane poetessa che, venticinque anni prima, aveva deciso di rispondere alla lettera di un ammiratore, dando inizio a una corrispondenza tanto fitta quanto sorprendente.
La portano a scoprire una donna ostinata, che ha sempre nutrito la fiamma della sua passione, che non ha mai permesso all’odio di spegnerla.
La guidano verso un uomo orgoglioso, che ha sempre seguito la voce del suo cuore, che non si è mai piegato al destino.
Le fanno scoprire un amore unico, profondo come l’oceano che divideva Elspeth e David, devastante come la tragedia che incombeva su di loro, eterno come i novemila giorni che sarebbero passati prima del loro incontro..
Salutato da critica e lettori come il libro-evento dell’anno, Novemila giorni e una sola notte è un inno struggente alla magia delle parole e alla forza di un amore così grande da superare il tempo e la lontananza. Perché se una lettera non è mai soltanto una lettera, un romanzo non è mai soltanto un romanzo. È lo specchio della nostra vita.

giovedì 12 settembre 2013

Giveaway: vinci "Prigionia mortale" di Chiara Cilli!

Buon pomeriggio, cari amici!
Oggi abbiamo una sorpresa per voi! L’autrice Chiara Cilli, in occasione dell’uscita in formato cartaceo del suo nuovo romanzo “Prigionia mortale” (QUI la recensione), ne ha messo a disposizione una copia che andrà al vincitore di questo giveaway.
Fino a Giovedì 26 Settembre, voi lettori di Dreaming Land potrete tentare la fortuna e vincere tre diversi premi relativi a “Prigionia mortale”, il secondo romanzo della saga fantasy per adulti “La regina degli inferi”.

PRIGIONIA MORTALE
Chiara Cilli
Rapito da Deshre, Dea della Morte che si è impossessata del corpo di Morwen, Galadir viene rinchiuso nella prigione del Castello di Vivar. Schiavo della follia sadica della donna, il Principe è costretto a combattere per il suo divertimento. Giorno dopo giorno viene torturato dalla Dea, giacché restio a uccidere per il suo volere. Tuttavia, il filo sottile che lo lega a Deshre è costantemente in bilico tra odio e attrazione, e anche il più truce degli sguardi genera tra loro un’energia carica di erotismo che rischia di far perdere il controllo non solo a lui, ma anche a lei, che più cercherà di spezzarlo, più temprerà il guerriero che riposa nel giovane. Deciso a sopravvivere per sconfiggere Deshre, Galadir dovrà accettare la propria sorte e sopprimere l’amore per Morwen, poiché lui è il solo che può impedirle di vendicarsi delle divinità che la disprezzano... ed è il solo che può ucciderla.
Il momento è arrivato.
La prigionia ha inizio.
Il destino di Penthànweald è nelle mani del Principe Galadir.

E adesso passiamo ai premi di questo ricco giveaway!

Al primo classificato:
Una copia cartacea di Prigionia mortale

Al secondo classificato:
Una copia digitale di Prigionia mortale

Al terzo classificato:
Un segnalibro di Prigionia mortale

PER PARTECIPARE È NECESSARIO
-Essere iscritti come lettori fissi del blog (potete farlo cliccando sulla dicitura “UNISCITI A QUESTO SITO”)
-Compilare il form con lo stesso nome con il quale siete iscritti al blog
-Lasciare un commento di senso compiuto in questo post, spiegando perché vorreste vincere il romanzo

Ecco il banner che potete condividere sul vostro blog!
<a href="http://dreaminglandks.blogspot.it/2013/09/giveaway-vinci-prigionia-mortale-di.html"><img src="http://i.imgur.com/jmIDsLl.jpg"/></a>

a Rafflecopter giveaway

Ricordate: avete tempo fino al 26 Settembre per partecipare e vincere!
Incrociamo le dita e buona fortuna! 

martedì 10 settembre 2013

Recensione: Prigionia mortale, il secondo romanzo della saga fantasy per adulti "La regina degli Inferi" di Chiara Cilli!

Autore: Chiara Cilli
Titolo: Prigionia mortale
Serie: La regina degli Inferi #2
Casa editrice: Narcissus.me (e-book)

              Lulu.com (cartaceo)
Pagine: 243
Prezzo: € 10,90 (cartaceo),
             € 4,99 (e-book)
Sinossi:
Rapito da Deshre, Dea della Morte che si è impossessata del corpo di Morwen, Galadir viene rinchiuso nella prigione del Castello di Vivar. Schiavo della follia sadica della donna, il Principe è costretto a combattere per il suo divertimento. Giorno dopo giorno viene torturato dalla Dea, giacché restio a uccidere per il suo volere. Tuttavia, il filo sottile che lo lega a Deshre è costantemente in bilico tra odio e attrazione, e anche il più truce degli sguardi genera tra loro un’energia carica di erotismo che rischia di far perdere il controllo non solo a lui, ma anche a lei, che più cercherà di spezzarlo, più temprerà il guerriero che riposa nel giovane. Deciso a sopravvivere per sconfiggere Deshre, Galadir dovrà accettare la propria sorte e sopprimere l’amore per Morwen, poiché lui è il solo che può impedirle di vendicarsi delle divinità che la disprezzano... ed è il solo che può ucciderla.
Il momento è arrivato.
La prigionia ha inizio.
Il destino di Penthànweald è nelle mani del Principe Galadir.

La mia opinione
Purtroppo non sono riuscita a trovare il primo volume di questa saga fantasy, ma sono felice che Chiara Cilli mi abbia dato l’occasione di leggere il secondo.
Leggendo non ho avvertito molto il peso del non sapere cosa fosse accaduto nel primo romanzo, perché tutto è stato spiegato a dovere, quindi mi sono goduta pagina dopo pagina senza sentire il peso della mia ignoranza. Anche se la curiosità è forte e il primo libro voglio assolutamente leggerlo.
Mi piace molto l’ambientazione, sebbene non ci sia molto abituata. Solitamente protendo per l’urban fantasy, ma il regno fantastico nel quale è ambientato questo romanzo non mi ha delusa.

Il protagonista si sveglia in una cella dopo essere stato catturato dal nemico. Almeno questo credo di averlo capito, visto che è successo nel primo romanzo. Il povero Principe, portato dai soldati al cospetto del Re che lo tiene prigioniero, viene a conoscenza di una verità che lo lascia sconcertato e lo fa sprofondare in un abisso di disperazione. E come se non bastasse, Galadir deve sopportare la costante vista di una donna che odia e che ha preso possesso del corpo della donna che lui ama. È tutto un susseguirsi di sentimenti contrastanti. L’amore e l’odio che Galadir prova verso due persone differenti, ma che possiedono lo stesso aspetto. Il disprezzo che si mescola al desiderio e colpi di scena che, personalmente, mi hanno tenuta incollata alle pagine fino alla fine.

mercoledì 28 agosto 2013

Recensione: “Finché Zombie non ci separi” di Jesse Petersen

Dolcissimi lettori,

finalmente è giunto il momento di parlarvi di un libro che ha accompagnato tutta la mia estate, un romanzo che ho atteso a lungo e che ho adorato terribilmente. “Finché Zombie non ci separi” è il connubio perfetto di ironia e tensione, amore e morte; una storia che non lascia indifferenti.

Arriva in Italia la prima zombie fiction rosa a base di cervelli marci e sentimenti!

"Gli uomini vengono da Marte... Gli Zombie dall’Inferno"

Tra i migliori libri humor del 2010 per la community di Goodreads.com, una lettura divertente ed ironica, perché uccidere zombie può salvare un matrimonio!

“Non avevi nessun segreto quando ci siamo sposati, vero?
Eri sempre sincero, e guarda come hanno funzionato bene, le cose!”, lo interruppi gesticolando. “Voglio dire… Mi avevi detto che volevi lavorare nel campo della finanza e… ah, no… aspetta! Hai lasciato perdere, non è vero? Mi avevi detto che, una volta ottenuta la tua specializzazione, io sarei potuta tornare a studiare, e invece no, hai deciso che nemmeno quello andava bene!”

Jesse Petersen - Finché Zombie non ci Separi


Autore: Jesse Petersen
Titolo: Finché Zombie non ci separi
Titolo originale: Married with Zombies
Traduzione: Veronica La Peccerella  
Casa editrice: Multiplayer Edizioni
Pagine: 214
Prezzo: 15,00 €
Pagina ufficiale: Qui
Trama:  
Conosci Sarah e David …
Sarah e David sono una giovane coppia in crisi: l'alchimia tra loro è andata scemando e il loro matrimonio rischia di andare in fumo. Da qui, la necessità di seguire una terapia di coppia... una costosa serie di sedute con la Dottoressa Kelly, che potrebbe essere l'unica ancora di salvezza per i due sposini. Un bel giorno, mentre si dirigono verso lo studio della psicoterapeuta, Sarah e David notano delle stranezze qua e là, la superstrada  è deserta, la solita guardia di sicurezza di fronte all'edificio non c'è e il fatto che la Dr.ssa Kelly sta strappando la gola di un altro cliente...
A quanto pare Sarah e David hanno scelto il giorno sbagliato per uscire di casa...perché stanno spuntando zombie da ogni angolo della strada! Un virus sfuggito da un laboratorio universitario ha trasformato Seattle in una zona di guerra, piena di mostri antropofagi che attaccano le persone e la situazione peggiora di ora in ora. Dopo aver eliminato la vorace (ex) psicoterapeuta, la Dottoressa Kelly, i nostri due protagonisti devono prepararsi a sopravvivere ad un’Apocalisse zombie.

Conosci gli zombie…
I due protagonisti lotteranno per sopravvivere all’Apocalisse zombie. Ma solo perché sono assediati ed in pericolo di vita non significa che i loro problemi di coppia svaniranno per magia.
Riusciranno ad unire le forze per salvarsi la pelle? E se metteranno in salvo i loro succulenti cervelli, saranno in grado allo stesso modo di non uccidersi l’uno con l’altro?


Anteprima Frassinelli:"La galleria dei mariti scomparsi" di Natasha Solomons, in libreria dal 3 Settembre!

Dal 3 settembre, torna in libreria Natasha Solomons  -autrice del bestseller internazionale Un perfetto gentiluomo- con il suo nuovo romanzo La galleria dei mariti scomparsi edito da Frassinelli e ambientato nella Londra degli anni Sessanta.
 

Autore: Natasha Solomons
Titolo: La galleria dei mariti scomparsi
Casa editrice: Frassinelli
Pagine: 376
Prezzo: € 18,50
Data di uscita: 3 Settembre 2013

Sinossi:
Juliet è cresciuta secondo i crismi della figlia perfetta: mai un atto di ribellione, mai un gesto scomposto. Poi si è sposata e ha fatto le cose giuste per diventare una moglie irreprensibile, ordinata e obbediente. Però suo marito, a un certo punto, svanisce nel nulla, senza lasciare traccia. E Juliet inizia a cambiare: il giorno del suo trentesimo compleanno esce per acquistare un frigorifero e finisce per regalarsi il ritratto che le fa un affascinante quanto alternativo pittore. Sono gli anni Sessanta, le ragazze indossano minigonne, i Beatles rivoluzionano la musica e Juliet scopre la libertà. Almeno finché non riesce a svelare il mistero del marito scomparso…


L’AUTRICE
Natasha Solomons è nata nel 1980 e vive nel Dorset con il marito sceneggiatore. Il suo romanzo d’esordio, Un perfetto gentiluomo, è un bestseller internazionale e ha vinto numerosi premi letterari. Con Sperling & Kupfer ha pubblicato anche La fidanzata inopportuna.
Il suo sito internet è www.natashasolomons.com

Anteprime Editrice Nord: il 29 Agosto torna l'avventura!

Buon pomeriggio, amici!
Questo agosto 2013 è stato pieno di sconti, promozioni e nuove uscite in libreria.  E, per finire in bellezza questa caldissima estate, abbiamo qualche anteprima da presentarvi.

Torna l’avventura con la casa editrice Nord nei tre nuovi romanzi in uscita il 29 agosto.


Autore: Pittacus Lore
Titolo:
La vendetta del numero nove
Casa editrice:
Nord
Pagine:
322
Prezzo:
€ 16,90
Formato:
Rilegato
Data di uscita:
29 Agosto 2013
Sinossi: 

Siamo arrivati in nove. Loro ci hanno seguiti per darci la caccia, così abbiamo deciso di separarci e di restare nascosti, in attesa di sviluppare i nostri poteri. Io ho trovato rifugio in India, in un santuario isolato in mezzo alle montagne. Non avevo idea di dove fossero gli altri. Poi è arrivata Marina, il Numero Sette, insieme col Numero Sei e con Ella: lei non è una di noi, eppure la sua presenza è una luce di speranza. Significa che non siamo soli. E noi abbiamo bisogno di tutto l’aiuto possibile…
Perché loro hanno preso il Numero Uno in Malesia.
Il Numero Due in Inghilterra.
Il Numero Tre in Kenya.
E li hanno uccisi.
Il Numero Quattro è negli Stati Uniti e sta cercando il Numero Nove. Quando l’avrà trovato, ci uniremo a loro. Soltanto così potremo sconfiggere i mostri che hanno distrutto la nostra casa. E che adesso vogliono annientare anche il vostro mondo. Il giorno della resa dei conti è sempre più vicino.
Io sono il Numero Otto. 
E sono pronto a combattere.

martedì 27 agosto 2013

Recensione: "Domani mi sposo" di Alison Sherlock.

Autore: Alison Sherlock
Titolo:
Domani mi sposo
Titolo originale:
The Desperate Bride's Diet Club 
Traduttore:
Francesca Barbanera
Casa editrice:
Newton Compton
Collana:
Anagramma
Pagine:
438
Prezzo:
€ 9.90
Prezzo e-book:
€ 4,99

Dopo l'iniziale euforia per l'inattesa proposta di matrimonio del suo fidanzato, Violet Saunders è presa dal panico. Come potrà mai, lei che ha sempre indossato taglie forti, entrare in uno di quei bellissimi ma striminziti abiti da sposa? Deve correre ai ripari! Decide così di iscriversi a "Corpo nuovo, vita nuova!", un programma di dimagrimento che promette miracoli. Presto si accorge che l'unico aspetto positivo di quel club per persone a dieta sono i nuovi amici, Kathy, Maggie, Lucy ed Edward. Quanto al peso, i clienti di "Corpo nuovo, vita nuova!" non fanno che ingrassare, terrorizzati dalla titolare, Trudie, che segretamente li disprezza. Un giorno però, mentre Violet è al lavoro, accade qualcosa. Il suo capo, di origine italiana, la invita a pranzo nel ristorante della sua famiglia. Violet viene travolta da un'esplosione di sapori e ingredienti meravigliosi, di cui non immaginava l'esistenza. Ispirata da quest'esperienza culinaria, convince i suoi compagni di dieta a formare un nuovo club, all'insaputa di Trudie. E le favolose ricette italiane, con ingredienti sani e poco grassi, cominciano lentamente a fare il loro effetto. Riuscirà l'anatroccolo Violet a trasformarsi in cigno, in tempo per il suo matrimonio? E soprattutto, perdere peso risolverà davvero tutti i suoi problemi?

La mia opinione

Ho inserito questo romanzo nella mia wishlist dopo aver letto la trama che, sinceramente, non mi aveva colpito moltissimo. Volevo solo una lettura leggera, normale. È proprio la normalità di questo romanzo ad avermi convinta a inserirlo tra le letture che avrei voluto fare. Non vi sono esseri fuori dall’ordinario e neppure situazioni paranormali.. fatta eccezione della dieta che per me è molto più spaventosa di vampiri e demoni!

Letto tutto d’un fiato in neppure due giorni, “Domani mi sposo” è un delizioso romanzo del quale difficilmente si può fare a meno una volta iniziata la lettura.
I cinque protagonisti inizialmente non si conoscono, ma si trovano nello stesso gruppo dimagrante della perfida Trudie che segretamente –ma non troppo- disprezza tutte le persone sovrappeso. Non le importa delle loro storie, non le importa neppure di sapere i nomi delle persone che aiuta per professione. Le quattro donne e l’unico uomo del gruppo, con il passare del tempo e dopo una sfuriata della loro arpia personale, finiscono per diventare davvero un gruppo. Si incontrano ogni settimana a casa di Violet e cominciano un percorso di vita al di fuori del programma dimagrante. Non seguono i consigli della donna che hanno pagato, ma quelli di Violet che scopre un modo di dimagrire più salutare e meno terrificante delle barrette senza sapore e dei succhi disgustosi forniti dal programma “Corpo nuovo, vita nuova!”. Violet sta inoltre per sposarsi ed è proprio l’imminente matrimonio a darle la marcia in più in questo importante cambiamento non solo fisico, ma anche psicologico. È una ragazza che non si è mai piaciuta, con un passato colpo di derisioni da parte delle altre persone e di maltrattamenti da parte della zia che l’ha cresciuta dopo la morte dei genitori. Adesso la ragazza ha un fidanzato che la ama –ma che personalmente prenderei a ceffoni una pagina sì e l’altra pure- e un nuovo lavoro, nonché un nuovo capo davvero adorabile, Mark.
Mi piace molto Mark perché, oltre ad essere italiano –e in questo romanzo l’Italia gioca un ruolo molto importante- è anche del tutto diverso da Sebastian, il futuro sposo.
A dire il vero mi piacciono molto tutti i personaggi, sono davvero ben caratterizzati e ognuno di loro ha una personalità ben precisa. Perfino l’insopportabile e infantile Sebastian è caratterizzato nel migliore dei modi. Da cosa si capisce? Leggendo questo libro, vi verrà voglia di colpirlo più e più volte, a sangue. Da questo si capisce che il suo ruolo di infimo personaggio è scritto davvero bene. Questo ragionamento, ovviamente, vale anche per Trudie.

venerdì 23 agosto 2013

Estrazione del giveaway "Vuoi sposarmi? No grazie!" di Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera.


Buon pomeriggio amici!
Non ci siamo dimenticate di voi, ci siamo solo prese una breve pausa in questo caldissimo mese di Agosto. Ma adesso che l’estate volge al termine, si torna a leggere e a tenere vivo Dreaming Land!
E non abbiamo dimenticato neppure il giveaway di “Vuoi sposarmi? No grazie!”.
Per questo non vediamo l’ora di annunciarvi il vincitore.

Vince la copia cartacea di “Vuoi sposarmi? No grazie” di Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera è Ilenia T.D. Lemon
Complimenti alla vincitrice! 
Il tuo indirizzo email verrà passato alla casa editrice che ti contatterà per spedirti il premio. Se entro una settimana non si avrà alcuna risposta alle email, provvederemo a fare un nuovo sorteggio.

sabato 17 agosto 2013

Review: "Off Course" written by Sawyer Bennett

Title: Off Course

Author: Sawyer Bennett

Release date:  August 4, 2013

Publisher:  Big Dog Books

Age Group: New Adult

Genre: Contemporary

Tour organized by: AToMR Tours

Links to the book:





Book Description:

Renner Caldwell has her life perfectly mapped out. She has the ideal relationship, the perfect job and all is right in her world. When a shameful turn of events happens, she boards the first plane bound for Ireland to lick her wounds and get her head back on straight.

Cillian O’Braidagh is the sexy, front man to the Irish rock band, Over The Edge. His rising fame and sultry voice make him every woman’s fantasy come true. Not to mention his single-minded determination. To put it simply: what Cillian wants, Cillian always gets. And he wants Renner, because there’s just something about the flame-haired beauty he has to possess.

If their relationship was just about sex and rock n’ roll, it would be easy for them to get lost in their desires. Only their relationship is anything but a hook-up. Will lies, deceit and hidden tragedy get in the way, making the path to true love uncertain? Or will the girl whose been knocked Off Course, find her footing with the man who is teaching her it’s okay to lose control?

mercoledì 7 agosto 2013

Recensione: "Alice in Zombieland" di Gena Showalter.

La storia di Alice nel paese delle meraviglie non mi ha mai catturata tanto da guardare cartoni e film. Ho letto il romanzo di Carroll da piccola e non lo ricordo neppure molto bene. Forse è proprio per questo motivo che sono stata un po’ restia a leggere Alice in Zombieland, il primo romanzo dell’avventurosa e romantica serie The White Rabbit Chronicles di Gena Showalter. Restia, ma comunque curiosa dell'esperimento messo in atto dall'autrice. Unire gli zombie a una fiaba da tutti molto conosciuta e amata? Non sono riuscita a resistere. Grazie al cielo, aggiungerei, perché ho adorato questo romanzo dalla prima all'ultima pagina!

Autore: Gena Showalter
Titolo:
Alice in Zombieland
Titolo originale:
Alice in Zombieland
Serie:
The White Rabbit Chronicles #1
Casa editrice:
Harlequin Mondadori
Pagine:
435
Prezzo:
            -
cartaceo: € 7,50
            -digitale: € 6,99

Non avrò pace finché non avrò rispedito nella tomba tutti i morti che camminano. Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finché non è stato troppo tardi. Quella notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta... Per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.

La mia opinione

La storia è narrata in prima persona da Alice Bell, una sedicenne un po’ chiusa in se stessa a causa delle stramberie del padre che è ossessionato dai mostri fin da quando era piccolo. Il padre di Alice non permette alla sua famiglia di stare fuori casa dopo il tramonto e questa situazione è poco tollerata dalla ragazza e dalla sorellina Emma di otto anni. Il giorno del suo sedicesimo compleanno, Alice convince i genitori a recarsi al saggio di danza di Emma e, sulla via del ritorno a casa, accade l’irreparabile. Un incidente stradale uccide la sua famiglia, ma alice vede qualcosa cui non riesce a credere. Dei mostri hanno divorato i suoi genitori davanti ai suoi occhi.
Credendo di aver avuto delle allucinazioni causate dallo shock, Alice si convince che quei mostri non sono altro che animali feroci. La ragazza, uscita dall’ospedale, va a vivere dai nonni materni.. non del tutto pronta a una nuova vita, un nuovo inizio e nuovi amici.
Una di questi ultimi è la frizzante e incantevole Kat, con la quale Alice instaura da subito un forte legame. Kat considera Alice la sua più cara amica e la mette in guardia da un gruppo di ragazzi poco raccomandabili. Questo gruppo del quale fa parte anche Frosty –l’ex ragazzo di Kat- è capeggiato da Cole Holland che attira da subito l’attenzione di Alice. Moro, bello e pericoloso: un mix al quale la ragazza, seppur provandoci, non riesce a resistere. E l’interesse è ovviamente reciproco.
Ben presto Alice scopre che è vero che Cole e il suo gruppo sono pericolosi, ma non cattivi. Quei ragazzi cacciano e uccidono gli zombie, gli stessi mostri che hanno ucciso i genitori della ragazza e che solo oche persone sono in grado di vedere e combattere. E Alice di certo non si lascerà sfuggire l’occasione di vendicare i suoi cari..

Ammetto di essere partita un po' prevenuta con questo romanzo. Nutro una profonda avversione per tutto ciò che riguarda l’horror non perché non mi piaccia, ma perché ne sono terrorizzata. E gli zombie rientrano nella categoria di creature che popolano i miei incubi e non mi fanno dormire. Quindi, fino a poco tempo fa, ero sicura che non facessero per me. Però ero curiosa di leggere l’accostamento tra la fiaba di Carroll e l’universo degli zombie e in questo romanzo non ho notato molti collegamenti, in effetti. Questo, onestamente, mi ha fatto tirare un sospiro di sollievo. A parte il nome della protagonista e il coniglio bianco che compare a volte, non c’è molto altro che mi abbia ricordato la fiaba.  

lunedì 5 agosto 2013

Angels of Omnific Event: Young Adult‏


Omnific Publishing is celebrating all things Omnific, Romance, and Angels! August 5th-10th, participating blogs will be featuring different guest posts, interviews, and excerpts by the authors of The Omnific Angels. Don’t forget to enter the giveaways and visit the other stops by clicking the linky list below.


Omnific and the authors would like to invite you to join the Angel Goodreads Group! Head over to Goodreads and see what’s going on: http://www.goodreads.com/group/show/100102-angels-in-romantic-fiction


Angels of Omnific Event Trailer: http://youtu.be/ztH_3EC1Fdc

giovedì 1 agosto 2013

Recensione: "Il bacio cremisi" di Lara Adrian. Secondo volume della serie della Stirpe di Mezzanotte!

Finalmente riesco a scrivere sul blog, dopo qualche giorno di crisi mistica dovuta al caldo insopportabile. Non riesco proprio a stare attaccata al pc, scrivere sta diventando un problema.
Ma adesso eccomi qui, armata di buona volontà e ventilatore, a parlarvi di un romanzo letto qualche settimana fa e che mi è piaciuto davvero molto. Il secondo capitolo della serie “La stirpe di mezzanotte” di Lara Adrian. Questo secondo romanzo si intitola Il bacio cremisi ed è stato pubblicato in Italia da Leggereditore a partire dal Maggio 2010.

Autore: Lara Adrian
Titolo: Il bacio cremisi
Titolo originale: Kiss of Crimson
Traduttore: Gabriele Giorgi
Serie: La Stirpe di Mezzanotte
Casa editrice: Leggereditore
Pagine: 345
Prezzo: € 10,00

Una notte, alla clinica veterinaria di Tess Culver, si presenta uno sconosciuto vestito di nero e gravemente ferito. Perde molto sangue, e la donna, dopo i primi momenti di titubanza, tenta in ogni modo di salvarlo. Ancora non sa che colui che le si è presentato con il nome di Dante è in realtà un guerriero mezzosangue, impegnato in una disperata battaglia con i Ribelli, vampiri dotati di una sconsiderata efferatezza provocata dalla Brama di Sangue. In uno slancio di accesa intimità, Dante sugge il sangue dal collo di Tess, facendo di quella donna predestinata la sua Compagna della Stirpe. Da quel momento, la tranquilla vita di Tess subisce un radicale ribaltamento e lei si ritrova invischiata in una sotterranea guerra tra clan di vampiri e nel traffico illegale del Cremisi, un potente stupefacente in grado di trasformare ogni vampiro in un Ribelle. Ma la passione di Dante è capace di risvegliare nella donna caparbietà, desideri e brame che lei stessa non credeva più di possedere. Indissolubilmente legati dal sangue, Dante e Tess dovranno unire le loro forze per sconfiggere i nemici e venire a capo di una intricata faccenda.

La mia opinione
La lotta contro i Ribelli continua, ma vi è una nuova minaccia. Una droga, chiamata Cremisi, è per gli umani come tutte le altre droghe. Pericolosa, a volte letale. Per i vampiri, è invece il lasciapassare verso la Brama di Sangue e la mutazione in Ribelli.
L’ordine indaga sullo spaccio di questa sostanza, le cui vittime si fanno sempre più numerose. I giovani vampiri, ignari degli effetti collaterali del Cremisi, una volta assunto perdono ogni traccia di razionalità e lucidità, tramutandosi in Ribelli. E proprio a causa di una lotta contro questi ultimi, una notte Dante viene ferito e, dopo essere caduto in un fiume, trova la forza di portarsi in salvo e di rifugiarsi nel magazzino di una clinica veterinaria. A trovarlo, sporco e ferito, è Tess, la giovane e bella proprietaria della clinica. Affamato e bisognoso di sangue, Dante attinge al nettare vitale della donna, salvo poi scorgere sulla sua pelle il tratto distintivo delle Compagne della Stirpe: la voglia cremisi raffigurante una goccia che cade nell’incavo di una falce di luna.

Questo secondo romanzo mi è indubbiamente piaciuto più del primo, tanto da non essermi bloccata durante la lettura. Facendo parte di quella categoria di romanzi che sono solita definire “leggeri”, l’ho letto tutto d’un fiato in un solo pomeriggio. L’organizzazione della razza vampira della Adrian mi piace sempre di più proprio perché è diversa da quella creata da altre autrici.
Qui i vampiri vivono nei rifugi oscuri, fanno parte di comunità tanto unite da poter essere considerate famiglie allargate. Proprio in questo capitolo della serie facciamo la conoscenza di uno dei vampiri provenienti dal rifugio oscuro di Boston,  nonché agente investigativo dei rifugi oscuri, Sterling Chase. Soprannominato “Harvard” da Dante, Chase si rivolge all’Ordine chiedendo aiuto nelle indagini sullo spaccio del Cremisi.

sabato 27 luglio 2013

Elisa S. Amore regala il racconto "Il riflesso del destino" e un estratto del suo prossimo romanzo "La carezza del destino".

Buongiorno, amici lettori!
In attesa dell’uscita dell’ esordio con la casa editrice Nord, Elisa S. Amore regala ai suoi lettori un estratto del suo romanzo La carezza del destino e un racconto inedito, Il riflesso del destino che potete scaricare gratuitamente  in formato PDF e in formato Epub QUI.


Il riflesso del destino
Elisa S. Amore
Peter e Gemma sono amici fin da quand’erano bambini. Da sempre, Peter è il punto di riferimento di Gemma. È la spalla su cui piangere, la persona che la conosce meglio di chiunque altro. E, da sempre, Gemma è molto più di una semplice amica per Peter. È l’unica ragazza che abbia mai amato, l’unica per cui sarebbe disposto a sacrificare tutto. Ma come confessarle i suoi sentimenti senza rovinare il loro rapporto? Forse l’occasione giusta è una gita alle Spring Rock Falls, le meravigliose cascate poco lontane dalla città. Lassù, tra boschi incontaminati e acque cristalline, Peter potrà finalmente aprire il suo cuore, e Gemma capirà che loro due sono fatti per stare insieme. Ma Peter non può immaginare che il destino di Gemma è già stato scritto…

Elisa S. Amore è nata nel 1984 e vive in un paesino nel cuore della Sicilia insieme al marito, al figlio e a un carlino che dorme tutto il giorno e da cui non si separa mai. In famiglia si è guadagnata il titolo di «divoratrice di libri». Ama scrivere di notte, quando il resto del mondo dorme e lei sa che, là fuori, le stelle le fanno compagnia. Le piace nuotare, passeggiare tra i boschi e sognare a occhi aperti. Colleziona libri e film d’animazione, il tutto gelosamente custodito sottochiave. La carezza del destino – Touched è il suo romanzo d’esordio.
Per restare sempre aggiornati sui romanzi di Elisa S. Amore, seguitela sulla sua pagina Facebook

giovedì 25 luglio 2013

Anteprima: "Acquanera" di Valentina D'Urbano in libreria a Settembre!

Buon pomeriggio, amici lettori!
Proprio oggi Dreaming Land ha iniziato una collaborazione con la casa editrice Longanesi e, per festeggiare, vogliamo presentarvi l’anteprima di un romanzo che, sono sicura, molte di voi gradiranno.
Non si tratta del solito romance o urban fantasy dei quali vi parlo sempre, ma di un romanzo dai toni forti e misteriosi, drammatico e che già dalla trama mi ha incuriosita.
Dopo il successo di Il rumore dei tuoi passi, Valentina D’Urbano torna con Acquanera, un nuovo imperdibile romanzo che sarà disponibile in libreria dal 12 Settembre 2013.

Autore: Valentina D’Urbano
Titolo: Acquanera
Casa editrice  Longanesi
Pagine: 300
Prezzo: € 14,90
Data di uscita: 12 Settembre 2013
È un mattino di pioggia gelida, che cade di traverso e taglia la faccia, quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano.  Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce.
O forse, a costringerla a quel ritorno, è la forza invisibile che ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo…

Recensione: "Porpora", terzo romanzo della Confraternita del Pugnale Nero di J.R. Ward!

Uno dei libri letti qualche mese fa e mai recensiti –perché sono pigra e ho una pessima memoria- è “Porpora”, il terzo romanzo della serie La Confraternita del Pugnale Nero scritta da J. R. Ward. Essendo arrivata quasi alla fine di questa serie, solo adesso ho ricordato di aver recensito solo i primi due capitoli. E questa non è cosa buona e giusta!
Pubblicata in Italia sia da Mondolibri che da Rizzoli, sono in possesso dell’edizione di quest’ultima casa editrice e non so ancora se pentirmene o meno. 
Tralasciando i titoli e le copertine decisamente insensati e per nulla legati ai romanzi, ho letto di recente che l’edizione Rizzoli è anche censurata.
Ma con quale criterio mi censurano la Ward? Assurdo davvero!
Anzi no, non tralasciamo le copertine e i titoli, perché una bella tirata d’orecchie la Rizzoli la merita.
Cosa c’è di purpureo in Porpora? Assolutamente nulla, tranne forse la mia faccia non appena ho visto la copertina di questo romanzo. “Lover Awakened” significa letteralmente “amante risvegliato” e forse l’amante in questione era arrossito proprio mentre gli editor italiani sceglievano il titolo. Ed ecco svelato da dove viene fuori questo cataclisma!

Autore: J.R. Ward
Titolo: Porpora
Titolo originale: Lover Awakened
Traduttore: Paola Pianalto
Serie: La Confraternita del Pugnale Nero #3
Casa editrice: Rizzoli
Pagine: 423
Prezzo: € 16,00

Bella appartiene alla glymera, l’aristocrazia dei vampiri. È stata catturata dai nemici mortali della sua razza, i lesser: rinchiusa in un centro di tortura, rischia di impazzire e di morire, ma la Confraternita del Pugnale Nero riesce a liberarla appena in tempo. A guidare la spedizione dei vampiri guerrieri è Zsadist, che ha il volto e il cuore segnato da spaventose cicatrici, e crede di non avere posto per i sentimenti. Invece, davanti alla sofferenza e all’inspiegabile amore di Bella, Zsadist scopre una tenerezza che non sapeva di poter provare. Ma sarà Bella a capire che, per squarciare la corazza che avvolge il cuore del feroce guerriero, è necessario portare alla luce il terribile passato che l’ha segnato per sempre, ed esorcizzarlo. Per affrontare, uniti, i pericoli che li minacciano.

La mia opinione

“Lui è uno spietato assassino. 
Lei lo ama più di se stessa. 
Il loro destino è stare insieme nonostante tutto”

Protagonisti di questo terzo capitolo della serie sono Bella e Zsadist. Lei è una vampira membro della glymera –l’aristocrazia dei vampiri- che, a causa dell’atteggiamento iperprotettivo della sua famiglia, nel secondo romanzo (Quasi tenebra) decide di andare a vivere da sola in una fattoria poco distante dalla casa di Mary. Proprio alla fine del secondo romanzo, Bella viene rapita dai lesser e Porpora si apre proprio con la sua prigionia e con Zsadist che non si da pace e la cerca con ogni mezzo.
Zsadist è un guerriero della Confraternita, insieme al suo gemello Phury.
A causa di un passato che gli ha lasciato profonde cicatrici sia fisiche che emotive, è sempre taciturno e riservato. Sicuramente il membro più pericoloso e letale del gruppo.
Zsadist e Bella su sono conosciuti nel secondo romanzo, un breve incontro che ha scosso entrambi. Proprio per questo motivo, anche contro il parere dei fratelli, il vampiro continua a cercarla, non dandosi per vinto e riuscendo a trovarla e a liberarla dalla prigionia.

“Dedicato a Te.
Non ci sarà mai nessun altro come te.
Per me… tu sei l’unico.
Sì, mi mancano le parole per esprimere ciò che sento..”

Avendo letto quasi tutti i romanzi di questa serie –me ne mancano ancora due, povera me!- non potrei non trovarmi d’accordo con l’autrice.
Zsadist è proprio l’unico!
Rapito quando era ancora in fasce, è stato venduto come servo e, dopo la transizione, usato come schiavo di sangue. Umiliato e violentato dalla sua padrona nel corpo e nello spirito.
E di quel periodo, il vampiro porta su di sé una cicatrice che gli deturpa il volto e i segni neri tatuati intorno al collo e ai polsi.